Più turisti al Carnevale di Ivrea: lo dicono i "big data" di telefonini e social

Più turisti al Carnevale di Ivrea: lo dicono i "big data" di telefonini e social

Ricerca Olivetti-Tim sui dati degli smartphone: media domenicale di 24mila presenze, con un picco alle 16 di quasi 32mila. Stranieri, più 37 per cento: lo si scopre grazie al roaming

La battaglia delle arance porta a Ivrea sempre più turisti. Secondo i dati raccolti da Olivetti durante l'ultima edizione dello Storico Carnevale il picco più alto c'è stato domenica dopo le 16 quando erano più di 32mila le persone presenti. I numeri arrivano dall'elaborazione di “City Forecast”, lo strumento fornito dall'azienda di proprietà di Tim che, dopo aver acquisito le attività Telecom Italia Digital Solution, si sta sviluppando proprio nel mercato del controllo dei big data.

I risultati della ricerca sono stati presentati questa mattina a Ivrea e sono frutto dello studio da un lato dei flussi telefonici rilevati nelle celle telefoniche della zona, incrociando i dati dei proprietari di schede telefoniche marchiate Tim, e dall'altro di quanto registrato da Turismo Torino e Provincia e nel report dell'attività di comunicazione e immagine della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea. “Quest’anno ai dati forniti dalla Fondazione del Carnevale si aggiungono quelli registrati dall’innovativo servizio proposto da Olivetti e Tim in occasione dell’edizione 2017 della manifestazione” spiega il sindaco di Ivrea, Carlo Della Pepa.
In particolare, la domenica di Carnevale si è registrata una media di 24.421 presenze, con un picco alle 16 di 32.845 presenze; sempre quel giorno risulta anche un incremento di circa il 37 per cento di stranieri, con i francesi in cima all'elenco degli utenti che hanno utilizzato il roaming internazionale.

L'analisi è stata condotta anche sui social network dove, nei giorni clou del carnevale, si è registrato un incremento complessivo di post pari al 485 per cento rispetto alla settimana precedente. “Il Carnevale di Ivrea sta assumendo, di anno in anno, una dimensione crescente di interesse e di partecipazione non solo a livello nazionale, ma anche internazionale – aggiunge il presidente della Fondazione, Alberto Alma – Abbiamo impostato il lavoro della comunicazione con l’obiettivo di raggiungere un target più ampio e di trasmettere la conoscenza della nostra meravigliosa festa a un pubblico nuovo, nazionale e internazionale, anche attraverso nuovi strumenti. La crescita esponenziale negli accessi ai nostri canali social e al sito ufficiale è un dato assolutamente in linea con l’alto numero di visitatori registrati a Ivrea, non solo domenica, ma anche lunedì e martedì, giornate lavorative tradizionalmente meno partecipate. Siamo certi che questo sia solo l’inizio di un percorso che ci porterà a posizionare lo Storico Carnevale di Ivrea tra le manifestazioni più attrattive a livello globale”

L’analisi è stata condotta impostando come ambito territoriale il comune di Ivrea e un arco temporale che va dal primo gennaio al 12 marzo 2017, con particolare focus sulla settimana dal 20 al 26 febbraio nonché sulla giornata conclusiva delle manifestazioni legate al Carnevale, e cioè il 28 febbraio, proprio per avere un raffronto con la situazione ordinaria della zona: la domenica le presenze sono il 25 per cento in più della media giornaliera di una domenica qualsiasi, mentre il martedì
l'aumento del traffico telefonico è del 12 per cento, cioè quasi 22mila persone. Da un'indagine previsionale di occupazione su di un campione di strutture ricettive di Ivrea e dintorni si è invece registrato tra l’80 e il 100 per cento di occupazione per le notti di sabato e domenica. Netta la prevalenza di turisti italiani provenienti da Lombardia, Liguria, Veneto e Lazio e di stranieri provenienti dall’Europa con una maggioranza di francesi.
© Riproduzione riservata

Network

20 aprile 2017 - Aggiornato alle

Annunci, lavoro e aste